Precetto Pasquale 2019

Pausa attività didattiche e inizio vacanze pasquali. Questo giorno diventa sempre emblematico sia nel vivere l’attesa sia nell’ arrivarci, un po’ come il Sabato del Villaggio di Leopardi, dove _“la squilla dà segno della festa che viene; ed a quel suon diresti che il cuore si riconforta”_
Così è trascorsa per noi l’attesa della Pasqua. Di mattina, alle 9,30 gli alunni dell’ Infanzia, della Primaria e della Secondaria insieme a genitori e insegnanti hanno celebrato il Precetto Pasquale, animato da tutti con il canto e la preghiera, e presieduto da Don Aurelio Russo, rettore del santuario. Una preghiera vera, fatta di doni scambievoli: noi abbiamo dato ciò che abbiamo e Dio ci ha dato sé stesso.
La giornata scolastica è proseguita con _”i fanciulli gridando su la piazzola in grotta qua e là saltando”_, per dirla ancora come Leopardi: i prof hanno giocato con gli alunni con semplicità e tante risate. Era bello sedere sui gradini della tribuna e guardare gli alunni giocare a cerchio insieme; è la stessa impressione che si ha guardandoli tra i banchi quando apprendono e lavorano sereni.
Un pranzo succulento preparato dalle Suore attendeva sr Ester e i docenti che hanno condiviso la tavola insieme nell’ amicizia e con qualche intermezzo canoro (un karaoke improntato sul momento) e, a seguire, una riflessione di Padre Aurelio sul VALORE della Passione di Gesù: 30 denari, come dice il Vangelo, ma “ben spesi per LUI” e per noi e per i nostri alunni sul cui volto lo vediamo, se ci crediamo.
Auguri di Buon cammino verso Pasqua.

Comments are closed.